sabato 4 agosto 2018

LA PARTE MIGLIORE

"LA PARTE MIGLIORE" 



(Lc 10,38-42)

  Questa è la Parola-guida degli Esercizi Spirituali per famiglie 2018.
Da dove la scelta di questa parola guida?

L’onda dello Spirito ci ha guidato:

- Attraverso un ricordo ispiratore

"Ricordo, in particolare, l’esercizio spirituale che facemmo a Sicar, una sera: le coppie furono chiamate ad alzarsi a turno, chi lo voleva, e a fare memoria di ciò che le univa, spiritualmente e caratterialmente; quello che mi colpì e che ancora oggi mi porto nel cuore è lo sguardo dei coniugi, mentre ripassavano le ragioni del loro amore; così facendo, lo rinnovavano e ciascuno contemplava nell’altro la sua parte migliore.
Penso adesso alla quotidianità di ciascuno di noi: al modo in cui ci guardiamo e ci parliamo, presi nella convulsa abitudine delle cose correnti; a quanti rimbrotti, critiche, al quel rimarcare “cosa c’è che non va” nei figli, nel rapporto col coniuge, con gli altri, col mondo…"

- Un desiderio, un sogno

Come sarebbe bello, vivere sì attivamente, ma mantenendo, tuttavia, uno sguardo diverso sull’altro, osservando la sua “parte migliore”.

- Una constatazione di continuità

“La parte migliore” presuppone la parola “scegliere”, nel senso di 
discernere/vedere/cogliere la parte migliore.

Bella la prosecuzione con gli EESS dello scorso anno (la “potatura”). “La parte migliore” contiene lo sguardo; nel potare devi saper leggere il presente e il futuro, pensare alla parte migliore.
La scelta di cosa potare non è facile, chiede un discernimento perché, potando la pianta, sembra buttar via i germogli più belli e lasciare la parte più brutta. Solo uno sguardo attento, lungimirante, aiuta a capire qual è, realmente, la parte migliore.
“La parte migliore” può essere declinata in sguardo, speranza, pace, riconciliazione.

(dalle note di sintesi dell'incontro di coordinamento di domenica 28 gennaio 2018 a Roma)

Nessun commento:

Posta un commento