giovedì 20 novembre 2014

La testimonianza di Marco e Valentina Bertuccini





Ecco Marco e Valentina (e loro figlio Samuele) che condividono con noi alcuni pensieri sulla loro esperienza di Esercizi Spirituali per famiglie all'Alpe di Poti, in Toscana.

Scriveteci anche voi una testimonianza!
La condivisione della vostra esperienza è il più bel dono che potete fare alle famiglie che ci seguono.

 

 

Le tre colonne degli Esercizi Spirituali per famiglie:

PREGHIERA, CONDIVISIONE e GIOIA.

"Quando riflettiamo sulla nostra esperienza come coppia e come famiglia, in riferimento agli Esercizi Spirituali per famiglie, ci viene sempre in mente quella indicazione che sant’Ignazio di Loyola ha lasciato impressa nelle regole degli Esercizi Spirituali quando parla di

“cercare e trovare Dio in tutte le cose”

Questa semplice regola è diventata, grazie agli Esercizi Spirituali per famiglie, la nostra regola di vita… È questa la prospettiva che ci ha entusiasmato e cioè la possibilità di avere uno strumento che potesse aiutarci nel portare con noi in tutte le situazioni della nostra vita la presenza del Signore, e la bellezza di questo itinerario è che possiamo farlo come coppia, anzi come famiglia.

L’aspetto veramente sorprendente di questa esperienza è proprio il fatto che tutti i componenti della famiglia riescono a vivere un tempo di intimità con il Signore, perché la presenza delle famiglie al completo crea un clima di armonia dove ciascuno è accompagnato e sostenuto nel poter vivere l’esperienza degli Esercizi Spirituali nel modo più adatto. Normalmente, se qualcuno ci venisse a dire di portare un nostro figlio di due o tre anni ad una settimana di ritiro lontano dalle sue abitudini probabilmente saremmo portati ad accogliere questa proposta con qualche perplessità, stessa cosa se la proposta fosse rivolta ad una famiglia che ha figli adolescenti e preadolescenti… eppure, e questo è l’aspetto potremmo dire straordinario, i figli in questa settimana vivono l’esperienza in modo sereno e riescono a condividere in un modo speciale il cammino dei genitori.

Ci stiamo convincendo sempre più che questa esperienza degli Esercizi Spirituali per famiglie è sostenuta da tre colonne portanti che sono: la preghiera, la condivisione e la gioia.



La preghiera è il tempo privilegiato che viene concesso all’ascolto della Parola di Dio, a capire come questa Parola può arrivare a diventare azione concreta nella vita, un tempo che inevitabilmente allarga il cuore e lo rende più capace di vivere nell’Amore di Dio.

La condivisione è la riscoperta della presenza del coniuge nella propria vita, perché durante tutta la settimana ci si concede uno spazio privilegiato per parlarsi, per ascoltarsi, per imparare sempre meglio come accogliersi e come fare del proprio coniuge un dono.
Ma la condivisione è anche l’ascolto dell’esperienza dei figli, è il raccontare ai figli quanto la relazione con il Signore è importante per la nostra vita.
La condivisione è il camminare insieme ad altri fratelli e sorelle che magari solo con la loro presenza vengono a dirci che la vita cristiana è un cammino da fare insieme che non si è mai soli e così possiamo scoprire che dietro ogni passo c’è un orizzonte nuovo che non ci intrappola negli spazi angusti della solitudine.
E infine, la condivisione è la presenza dei religiosi (i padri gesuiti e le suore) che guidano gli Esercizi spirituali, sostengono con i colloqui personali, fanno in modo che il cammino degli esercizi sia una strada a doppio senso che va da Dio a noi e da noi a Dio incrociando il percorso degli altri e così questa piccola comunità cammina sui passi dell’intera comunità che è la Chiesa.

La gioia è il carburante di tutta questa esperienza innanzi tutto per il clima di amicizia che si instaura tra le famiglie e ogni anno si torna a casa con il cuore pieno di questa gioia, una gioia potremmo dire silenziosa non appariscente che è il frutto di un incontro, non è l’euforia per aver conquistato un obbiettivo, e questo la rende duratura, anche quando terminata la settimana di esercizi la vita quotidiana riprende il sopravvento e quella gioia rimane lì magari come una musica lontana ma viva a ricordarci in qualche modo che il Signore vuole la nostra felicità e ci accompagna sempre.

Ecco questo è quello che noi come famiglia stiamo sperimentando in questi anni attraverso gli Esercizi Spirituali per famiglie e per questo siamo davvero grati al Signore che ha ispirato e continua a sostenere questa iniziativa."


Marco e Valentina Bertuccini







Nessun commento:

Posta un commento