sabato 22 dicembre 2018

VIENI GESU' LUCE DEL MONDO!



Carissimi amiche e amici

                                degli esercizi spirituali famiglie.

Il Natale è ormai vicino e, più che in altre feste, sentiamo rifiorire sentimenti di gioiosa cordialità e di speranza.

Quest'anno ci lasciamo incoraggiare e interpellare da un dipinto del pittore inglese di metà dell'ottocento William Holman Hunt: il titolo che ha dato alla sua opera è “Gesù luce del mondo”.
Rappresenta la figura di Gesù con abiti semplici e a un tempo regali e con la corona, ma sormontata da spine (il Risorto, il Vivente che porta i segni della Passione).
E' dunque un invito per noi ad aprire anzi a spalancare le porte del nostro cuore perché il Signore ci viene incontro come un piccolo bambino, perché nessuno provi davanti a Lui vergogna o disagio.
Il dipinto è ricco di suggestioni, guardiamolo con attenzione per  qualche momento.
Suggerisco tre particolari:
-  La porta è malandata, vecchia, quasi dimenticata e le erbacce ci dicono che da tanto non viene aperta. Il Signore bussa a tutte le porte e non dimentica nessuno.
-  La porta non ha maniglia e lo stesso pittore precisa: “è una porta che si apre solo dall'interno!”. Il Signore non sfonda le porte, rispetta sempre la libertà di ognuno.
-  Gesù ha con sé una lampada. È la sua Parola che illumina la nostra vita, perché anche noi diventiamo portatori di luce: “Voi siete la luce del mondo” Mt. 5,13. Jean Vanier traduce così: “Il Verbo si è fatto carne perché la nostra carne diventi parola”.

(L'originale, dipinto di notte in una capanna improvvisata a Worcester Park, nel Surrey, è ora in una sala laterale della cappella del Keble College, Oxford. Verso la fine della sua vita, Hunt dipinse una versione a grandezza naturale, che è stata appesa nella Cattedrale di St Paul, a Londra).

Ecco carissimi amiche e amici qualche scintilla per accendere meglio il nostro Natale.
Il Signore vi benedica alla grande: voi, le vostre famiglie, gli amici e i poveri per solitudine, per situazioni economiche, per malattia... di cui vi occupate.
Spero di incontrarvi in tanti a Roma il 26 e il 27 gennaio (clicca qui per il programma) per ringraziare insieme il Signore per il dono degli esercizi spirituali per le famiglie e per chiedere che ci dia luce per i prossimi passi.
Vi mando anche alcune mie riflessioni sul Natale che mi piace condividere con voi. CLICCA QUI

Vi abbraccio forte e vi auguro ancora un Natale nel segno della comunione e di una gioiosa speranza.
                                                                                                                                                         P.Enrico sj